Icona calendario
Data o periodo:
Icone dove si trova
Località:
Cilento
icona costo
Prezzo a persona:
gratis

I borghi medievali nel Cilento da visitare assolutamente

I borghi medievali più belli del Cilento con mini-itinerario giornaliero per un’escursione indimenticabile
  • Categoria:
  • Tipologia:
  • Distanza:
  • Adatta a bambini:
    Si
  • Accessibilità:
  • Durata:
  • Raggiungibilità:
  • Vestizione:
+ leggi di più

I Borghi più belli del Cilento

I borghi medievali nel Cilento da non perdere

Trascorrerele vacanze nel Cilento significa vivere a pieni polmoni una terra ancoraincontaminata e autentica, fatta di paesaggi mozzafiato dove Madre Natura regnasovrana e maestosa, piatti preparati con gli ingredienti genuini di una volta egente semplice e cordiale legata alle tradizioni del passato.

Sono proprio i paesi e borghi del Cilento i veri custodi della storia e della cultura cilentana.

Luoghidove il tempo sembra essersi fermato, dove la vita scorre lenta e non c’èbisogno di correre o di affannarsi perché il segreto della felicità qui è nellecose semplici.

Luoghilontani dalle mete del turismo di massa dove regna il sovraffollamento, maisole felici del nuovo Undertourism, o la scoperta di destinazionialternative (magari vicino casa) e particolarmente interessanti.

Traantichi castelli arroccati sulle colline, antiche mura e vivaci stradine dipietra, in questo articolo ti faremo scoprire alcuni itinerari del Cilentolegati ai borghi medievali che forse non conoscevi.

Cilento: dove si trova?

Il Cilento è un'area della provincia di Salerno che inizia da Agropoli e finiscea Sapri, coprendo un’area di circa 36.000 ettari in un susseguirsi dipaesaggi da quelli marittimi della costa tirrenica a quelli più internidell’appennino campano-lucano.

 Il Cilento comprende circa 80 comuni e occupa gran parte della provincia diSalerno.

Per ragioni geografiche i comuni delCilento vengono tradizionalmente ripartiti in 5 aree:

·        Alto Cilento: territorio attraversato dal fiume Alento e delimitato tra ilMonte Stella e Punta Licosa. Comprende comuni come Agropoli, Castellabate, Cicerale,Montecorice;

·        Cilento Centrale: tra il Monte Gelbison e la fascia costiera delimitata dallapenisola di Punta Licosa e Capo Palinuro. In questa zona rientrano Ascea,Cannalonga, Casalvelino, Novi Velica, Vallo della Lucania e altri;

·        Basso Cilento: delimitato dai fiumi Bussento, Lambro e Mingardo fino al Golfo diPolicastro. Include Centola, Palinuro, Camerota, Marina di Camerota, Caselle inPittari, Sapri, Pisciotta, San Giovanni a Piro, Roccagloriosa, Tortorella,Vibonati e altre località;

·        Valle del Calore e Alburni: situata lungo il fiume Calore, cherappresenta il confine settentrionale del Cilento. Quest’area comprendeAlbanella, Altavilla, Capaccio, Roccadaspide, Castelcivita, Controne, CastelSan Lorenzo, Roscigno, Serre e altri comuni;

·        Vallo di Diano:l’altopiano attraversato dal fiume Tanagro e delimitato dal Monte Cervati el’Appennino lucano. Fanno parte di questo territorio Atena Lucana,Buonabitacolo, Casalbuono, Monte San Giacomo, Montesano sulla Marcellana,Padula, Pertosa, Polla, Sala Consilina, San Pietro al Tanagro, San Rufo,Sant'Arsenio, Sanza, Sassano e Teggiano.

 

CIlento Mappa

Nel 1998 il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni èstato dichiarato dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità e dal 2010è stato inserito nella rete europea dei Geoparchi.

Ilnome Cilento fu dato dai monaci benedettini e deriva dal latino“cis-Alentum”, cioè “al di là del fiume Alento”, anche se il fiume ormai non nesegna più il confine.

 I 10 borghi più belli del Cilento

Sevuoi sapere cosa fare e vedere nel Cilento, ti consigliamo 10 borghi medievalidel Cilento da visitare assolutamente (l’ordine è rigorosamente casuale)

 Ascea

Ascea si trova su unpromontorio che affaccia sulle rovine dell’antica città di Velia,l’antica Elea greca, fondata dagli abitanti di Focea intorno al 540 a.C.e divenuta un importante polis della Magna Grecia, nonché patria dei filosofi Parmenidee Zenone.

  [VI2] 

 Di origine medievale, Ascea fu feudo della famiglia Sanseverino e nel 1828 partecipò attivamente aimoti rivoluzionari che coinvolsero il Cilento.

 Cosa vedere ad Ascea

·        Le rovine di Velia;

·        Il Museo del Paradosso;

·        Il Sentiero degli Innamorati;

·        Palazzo Alario;

·        Chiesa della Madonna del Carmine;

·        Palazzo Ricci;

·        Torre del Telegrafo.

 

Castellabate

Il borgo del Cilento resofamoso dal film “Benvenuti al Sud” è una graziosa cittadella medievale che sisviluppa tra viuzze, vicoletti e scorci davvero suggestivi.

 

Castellabate

Il toponimo deriva dalcastello di Sant'Angelo, costruito dall'abate Costabile Gentilcore sull'omonimocolle.

 Cosa vedere a Castellabate

·        Belvedere San Costabile;

·        Il Castello dell’Abate;

·        La targa di Murat “Qui non si muore”;

·        L’elegante centro storico;

·        La Basilica di Santa Maria de Giulia;

·        La Piazza 10 Ottobre 1123, la famosa “piazzetta” di Castellabate;

·        La Chiesa di San Marco Evangelista.

 

Agropoli

Abitata fin dal Neolitico,deve il nome alla posizione alta su un promontorio a picco sul mare. Alcuniipotizzano che derivi dalla roccaforte creata dai Bizantini greci che prese ilnome di Acropolis, oppure dal fatto che potrebbe essere l’anticaacropoli di Paestum in quanto probabilmente vi era un tempio dedicato a Poseidone.

 Nel Medioevo Agropolipassò sotto il dominio di diverse casate e nell’Ottocento iniziò ad espandersioltre l’antico borgo.

Cosa vedere ad Agropoli

·        Il centro storico e l’antico portale seicentesco;

·        Il Castello Angioino Aragonese;

·        Il Faro Punta Fortino;

·        La Chiesa Madre dei SS Pietro e Paolo;

·        La Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli;

·        La Chiesa Madonna delle Grazie;

·        La Fornace;

·        Il Palazzo Civico delle Arti e il Museo Archeologico.

 Padula

Il nome “Padula” derivadalla presenza, nell’antichità, di una palude in questa zona.

 L’antica Padula nacque inepoca romana sotto il nome di Consilinum e fu fondata probabilmentedagli Enotri. Intorno al IX-X sec. la popolazione decise di stabilirsi nellazona in cui attualmente si trova la città per sfuggire alle scorribande deiSaraceni e altri invasori.

 Alla nascita di Padulacontribuirono anche i monaci basiliani, ma a dare il contributo maggiore allasua notorietà culturale e architettonica fu Tommaso II Sanseverino, che nel1296 ne entrò in possesso e diede inizio ai lavori per la famosa Certosa,la prima ad essere sorta in Campania.

 Dal XVI finoal XVIII secolo, Padula fu donata o venduta a diversi signori dell’epoca.


Il suo contributo fu molto attivo nel Risorgimento, tanto che i padulesi Vincenzo Padula e Michele Santelmo furono tra iMille che sbarcarono a Marsala sotto la guida di Garibaldi.

Altri cittadini originari di Padula sidistinsero all’estero, come l’investigatore newyorkese Giuseppe “Joe”Petrosino, e il fisico Francesco “Frank” Valente che fece parte del teamche creò l’atomica.

 H4 Cosa vedere a Padula

·        La Certosa di San Lorenzo

·        I ruderi del castello normanno

·        L’eremo di San Michele alle Grottelle

·        Masseria Tuscania

·        Palazzo Petrella

·        Battistero di Marcelliano

·        Battistero di San Giovanni in Fonti o di Marcelliano

·        Museo del Cognome

·        Museo civico multimediale

·        Museo Archeologico della Lucania Occidentale

·        La casa-museo di Joe Petrosino

·        Sacrario dei Trecento

 

H3 5. Teggiano

Il massimo splendore diTeggiano si ebbe nel medioevo, in particolare nel periodo in cui la famigliadei Sanseverino ne fece un luogo privilegiato.

 

La famosa rievocazionestorica Alla tavola della Principessa Costanza, una fra le più belle estoricamente accurate d’Italia e ambientata nella splendida cornice delcomune di Teggiano e del Castello Macchiaroli, riprende proprio gli sfarzidell’epoca.

 

H4 Cosa vedere a Teggiano

·        Cattedrale di Santa Maria Maggiore; 

·        Chiesa e convento di San Francesco; 

·        Chiesa e convento della Santissima Pietà;

·        Obelisco di San Cono;

·        Castello Macchiaroli;

·        Il Seggio;

·        Palazzo dei Malavolta, attuale sede vescovile;

·        Castello dei Principi Sanseverino;

·        Torri della cinta muraria medievale.

 

H3 6. Camerota

Caratterizzata daun'impronta medioevale, Camerota deve il nome dal greco kamaròtos,"ricurvo") odal latino Camurus ("incurvato"), in riferimento alle numerosegrotte calcaree che ospitano reperti archeologici risalenti al Paleolitico.

 

La stessa meravigliosa Area Marina Protetta Costadegli Infreschi e della Masseta ospita questo genere di grotte

 

Infreschi Camerota

H4 Cosa vedere a Camerota

·        Chiesa di Santa Maria delle Grazie;

·        Chiesa di San Nicola di Bari;

·        Chiesa di San Daniele Profeta;

·        Santuario di Sant' Antonio detto del Gualano;

·        Cappelle rupestri di San Biagio e nel rione di San Vito;

·        Chiesa di Sant'Alfonso;

·        Cappella del Carmine;

·        Castello medioevale di Camerota

·        Museo della Civiltà Contadina e dell'Artigianato;

 

H3 7. Felitto

Quando si parla di Felittobalzano subito alla memoria le meravigliose Gole del Calore e il famoso Fusillodi Felitto, PresìdioSlow Food a cui è dedicata l’omonima sagra.

 

Fusilli di Felitto

Il paese è un borgo medievale, la cui origine risale qualche secolo prima dell’anno 1000, che conserva ancora oggi le mura di cinta e diverse torri di guardia.

 

Situato in posizione sopra elevata a controllare tutta la valle del Calore e dunque inaccessibile agli attacchi nemici, fu citata in una bolla di Papa Bonifacio XVIII come “Felix”, da cui Felitto.

 

H4 Cosa vedere a Felitto

·        Chiesa di Santa Maria dell'Assunta;

·        Chiesa del Rosario;

·        Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli;

·        Museo della Civiltà Contadina;

·        Il Castello feudale o “Palazzo Baronale”; 

·        La Casa araba; 

·        La Porta Occidentale di Felitto;

·        Il ponte medievale alle porte del paese.

 

H3 8. Vatolla

L’origine del nome“Vatolla” deriva da “batulla” che significa “luogo di rovi” per indicare unazona con tratti impervi.

Il borgo è noto sia peraver ospitato il filosofo ed intellettuale napoletano Giambattista Vicoche per la coltivazione e la produzione della cipolla omonima.

 

Cipolle di Vatolla

H4 Cosa vedere a Vatolla

·        Palazzo Vargas-Machucha;

·        Chiesa Madonna delle Grazie

·        Cappella di San Nicola;

·        Il Mulino;

·        Convento della Madonna della Pietà

 

H3 9. Castelcivita

Castelcivita si trova ai piedidei monti Alburni, su uno sperone naturale a 587 m sul livello del mare.L’origine del toponimo deriva dall’unione del villaggio di Castelluccia aquello di Civita e risale alla metà dell’Ottocento.

 

Caratteristiche di questoterritorio sono le famose Grotte di Castelcivita, un complesso di cavitàcarsiche dalle stalattiti e stalagmiti dalle forme più disparate.

Sono conosciute anche come “Grotte di Spartaco”, per via di una leggenda popolare riguardante il gladiatore romano che si dice sostò in queste cavità mentre muoveva la rivolta di schiavi verso Roma.

H4 Cosa vedere a Castelcivita

·        Torre Angioina;

·        Castello del Vaglio;

·        Ponte Pestano o di Spartaco;

·        I resti dell’acquedotto romano situati nell'orto del monastero di Santa Gertrude;

·        Porta Pretoria;

·        Mura megalitiche micenee;

·        Chiesa di San Nicola di Bari;

·        Chiesa e Monastero di Santa Sofia;

·        Chiesa di Sant'Antonio;

·        Chiesa di San Cono

 

H3 10. Pisciotta

Si pensa che la storia di Pisciotta risalga alla Guerra di Troia, quando i troiani fondarono la coloniadi Pixous, il cui nome significa bosso, un arbusto sempreverde simbolodi forza e coraggio che si trova nello stemma comunale di Pisciotta. La Pixous greca divenne la Buxentum romana e successivamente l’attuale PolicastroBussentino.

A fondare Pisciotta sarebbero stati gli abitanti di Bussento che si rifugiarono sui monti viciniper trovare riparo dagli assalti dei Saraceni e fondarono un piccolo villaggiochiamato Pixotum, cioè piccolo Pixous, da cui Pisciotta.

 

Il Medioevo fu un periodo particolarmente florido per Pisciotta e fu posseduta da diverse potenti famiglie come i Caracciolo e i Sanseverino.

Pisciotta

Tra le eccellenzegastronomiche di Pisciotta non possiamo non menzionare l’olio extravergine dioliva ricavato dall’autoctono e secolare olivo pisciottano e le alici dimenaica, PresidioSlow Food che deve il nome a un’antichissima tecnica di pesca.

 

H4 Cosa vedere a Pisciotta

Il Palazzo Marchesale;

I vicoli del centro storico;

La Piazzetta del Cannone;

Piazza Michelangelo Pagano;

Chiesa Madre San Pietro e Paolo

 

Scopri ilCilento con chi lo vive da sempre

Prenota la tua vacanza nel Cilento

Gallery
No items found.
Richiedi informazioni / prenotazione

Grazie! La tua richiesta è stata ricevuta. Ti risponderemo appena possibile.

Oops! Qualcosa è andato male nella tua richiesta!

Altre Esperienze da non perdere

Tutte le esperienze per conoscere il Cilento
Logo google
Inviaci una richiesta